giovedì 17 marzo 2016

Tutto ciò che non avete mai saputo sulla realizzazione di 1997 Fuga da New York



Di Ryan Plummer

In che modo 1997 Fuga da New York diventò uno dei più grandi film cult di tutti i tempi? Fu pura fortuna persino il fatto che questo film venne realizzato -  e una simile quantità di fortuna ci volle anche affinché Kurt Russell sopravvivesse alle riprese. Ecco tutti i più bizzarri segreti, e le avventure più selvagge, dalla realizzazione del classico film di John Carpenter.


Ispirazione

John Carpenter vide il film Terrore nello Spazio nel 1974. Il film era incentrato sul mandare un burbero antieroe in un posto non proprio ospitale. Carpenter prese questa idea e la sviluppò. Prese due dei posti più terribili a cui qualcuno potesse pensare - la New York degli anni 70 e beh, la prigione - e ideò l'ambientazione di uno dei più grandi classici cult degli anni 80.

La sceneggiatura, che era stata portata in giro per un po', alla fine venne fatta per via del fallimento di elaborare un terzo atto per un film intitolato "The Philadelphia Experiment" mentre Carpenter stava lavorando con la AVCO Embassy. Carpenter doveva pagare una cauzione, ma fortunatamente aveva lo script di 1997 Fuga da New York da offrire al suo posto.

Location

Il film, famoso per la sua ambientazione in un crudo 1997, fu ambientata in una terra desolata futura per ragioni finanziarie: New York nei primi anni 80 era troppo costosa per potervi girare. Quindi invece, la troupe approfitto di un grande incendio che era avvenuto nel centro di St. Louis, una città molto più economica in cui girare. St. Louis fu inoltre estremamente coperativa quando si trattò di girare secondo Carpenter:

"St. Louis - incredibile!" dice Carpenter. "Andammo lì perché, beh, c'erano alcune sequenze che semplicemente non avremmo potuto fare a New York; avrebbero bloccato troppo l'intera città. E St. Louis,  a causa di un grande incendio che avevano avuto lì nel 1977, aveva semplicemente la giusta quantità di desolazione nel centro della città. E anche la giusta architettura. Così tanto della città appare morto e vuoto; perfetto per i nostri bisogni fintanto che non avremmo potuto usare nulla che sembrasse nuovo o fresco. I funzionari del comune letteralmente misero sottosopra la città per noi. Chiusero 10 isolati alla volta per aiutarci. Mi era stato detto che non avevano ospitato un film per 15 anni; non avevano neppure una vera commissione per i film, solo un Dipartimento per il Turismo. Ci consentirono di coprirla di spazzatura, e fare tutto ciò che ci necessitava." Un colpaccio fu trovare, a St Lous, una replica esatta - deserta, desolata, inutilizzata - della Grand Central Station di New York, completa di treni. Dice Carpenter, "Mi era stato detto che è la più grande area coperta del mondo. Entrammo e io dissi, 'Oh Signore! Non dobbiamo nemmeno ridecorarla!'"

Gli vennero consentiti due giorni di riprese a Liberty Island, New York City . Dalla stessa intervista del 1980: "I funzionari cittadini non solo diedero il permesso, ma furono davvero molto di aiuto. Eravamo la prima compagnia cinematografica della storia a cui fosse consentito di filmare a Liberty Island, alla Statua della Libertà, di notte. Lasciarono che avessimo l'intera isola per noi. Siamo stati fortunati. Non fu facile ottenere quel permesso iniziale."

E a quanto pare le riprese notturne furono una vera fatica, in quanto Carpenter sostiene di non aver visto il sole per buona parte della durata delle riprese. "Il film ha due aspetti distintivi. Uno è lo stato di polizia, ad alta tecnologia, un sacco di Neon, degli Stati Uniti dominati da computer sotterranei - quello fu facile da girare in contronto alle sequenze sull isola prigione di Manhattan, che avevano poche luci, principalmente luci di torce, come l'Inghilterra feudale."

Casting

Chuck Norris e Tommy Lee Jones furono considerati per il ruolo di Jena (Snake) Plissken. Lo studia in realtà preferiva sia Norris che Jones a Kurt Russell, in quanto ritenevano che Russell fosse troppo conosciuto. Secondo l'AMC, Chuck Norris fu scartato perché Carpenter pensava che fosse troppo vecchio. Jones era perfetto, perché all'epoca non era stato in niente degno di nota — ma Russell fu selezionato alla fine, per via del suo lavoro con Carpenter sul biopic su Elvis del 1979 giustamente intitolato Elvis - Il re del rock.

Altre persone che furono considerate per il ruolo erano Clint Eastwood e Charles Bronson. Russell ha parlato un po' riguardo alla sua scrittura al Cape Town Film Fest dell'anno scorso:

"Devo dire che solo una volta ogni tanto hai l'opportunità di fare qualcosa che davvero vuoi fare. Non mi sentivo così riguardo a  Elvis, ma sapevo che era una meravigliosa opportunità e sapevo di potercela fare. Fui scritturato in quel progetto prima che John fosse preso a bordo. Lì è dove ci siamo conosciuti. Imparammo un linguaggio molto velocemente l'un con l'altro. Andai in Australia e ritornai, e dicemmo, 'Facciamolo ancora, ma con qualcosa che sia completamente nostro.' Ritornai dall'Australia e dissi, 'So cosa mi piacerebbe fare con te.' E lui disse, 'Lo so. è davvero fico. è leggermente futuristico.' Così lo lessi, e dissi, 'Questo è esattamente ciò che voglio fare. Si tratta di qualcosa che so di poter fare e so che nessuno penserà a me per questo eccetto te, John.' Loro volevano che lo facesse Charlie Bronson, e John lottò per me. Un paio di volte nella mia vita, mi è capitato di leggere qualcosa  –Tombstone fu così – e dire, 'Adorerei farlo.'"


Donald Pleasence, che interpretò il presidente, era anche lui una vecchia conoscenza di Carpenter. In un intervista con Marc Shapiro, Pleasence ebbe a dire questo su John Carpenter, "John Carpenter è il miglior regista con cui abbia mai lavorato,"..."Una delle principali ragioni è la sua audacia nel modo in cui mi ha scritturato nei suoi film. Scritturandomi come il Presidente in 1997 - Fuga da New York e come il fondamentalmente buono Dottor Loomis nell'originale Halloween, mi diede opportunità che avrei perso se fossi rimasto a interpretare il pazzo stereotipato." 


Pleasence inoltre si assunse la responsabilità di scrivere una backstory per il suo personaggio. La sua storia includeva un mondo dominato da Margaret Thatcher in cui gli Stati Uniti erano ritornati a essere una colonia dell'Inghilterra. Carpenter non usò nulla di tutto ciò.

Lee Van Cleef stava soffrendo di una ferita alla gamba piuttosto dolorosa durante le sue scene. Sul commento del DVD Carpenter dice,

"Lee aveva riportato una ferita al ginocchio prima di filmare 1997 Fuga da New York, una ferita da cui non si era pienamente ripreso quando venne il momento di filmare le sue scene. Sua moglie era sul set per assicurarsi che l'attore avesse potuto affrontare le sue scene, in special modo quelle che gli richiedevano di camminare e recitare allo stesso tempo. Carpenter nota che Van Cleef che la scena con Hauk e Jena Plissken che camminano per il corridoio discutendo della missione fu la più dura di quelle che girò per il film ."

Jamie Lee Curtis (non accreditata) era la voce del computer e il narratore mentre il collega di Halloween Nick Castle ("The Shape" Ndt. il nome con cui Michael Myers è indicato nei credit) interpretò Cabbie (Ndt. questa informazione, contenuta nel pezzo originale è in realtà un errore: Castle interpretava in realtà il pianista nella scena del teatro dove è presente per la prima volta Borgnine l'interprete di Cabbie, il tassista. Si ringrazia Vittorio Silvestri per la precisazione).

Dietro le quinte

Lavorando dietro le scene c'era un giovanotto che si sarebbe fatto anche lui un certo nome. James Cameron lavorò dietro le quinte sia come direttore degli effetti speciali della fotografia sia come realizzatore dei fondali. Cameron cercò di rendere gli effetti analogici nella scena dell'aliante quanto più simili fosse possibile a quelli dell'allora nuovo campo della CGI.


Creare il personaggio di Jena Plissken fu decisamente un processo collaborativo. Nel commento del DVD Carpenter menziona che Jena, "Non ha rispetto per nessuno. La sua battuta indica che non sa chi sia il Presidente, non sa cosa succede, o dove stia andando, e nonostante tutto non gli interessa Lui è il classico tipo con cui ho tanto in comune."

Originariamente fu filmata una scena che avrebbe messo Jena sotto una luce molto più sensibile. Avrebbe dovuto scegliere tra salvare se stesso e salvare uno dei suoi amici. Ma fu tagliata,  e questo andava bene a Russell.

"E poi John tagliò quella parte dal film. E per la prima volta, davvero - pensai che fosse davvero affascinante - il tipo entra in scena, scende da un bus, ed è semplicemente tipo, 'F*ttiti.? Non gli interessa di niente e di nessuno. Lui è un ragazzaccio. Non viene mai spiegato da dove venga."


La famosa benda sull'occhio fu di fatto un idea di Russell A cui Carpenter replicò secondo Russell," 'Questo è grandioso! Non penso che nessuno abbia indossato una benda sull'occhio dai tempi di John Wayne in Il Grinta!" Russell in realtà indossò due differenti bende per le riprese, una che era opaca e una che era trasparente - per rendere le scene d'azione più facili da filmare

Un altro elemento del costume che fu ideato da Carpenter e Russel fu la mimetica bianca e nera che indossava. Nel commento del DVD, Carpenter parla del fatto che decisero che aveva combattuto in una guerra che aveva avuto luogo in Siberia, da qui il bianco e il nero invece del più familiare verde. 

Russel racconta un incredibile aneddoto riguardo ai suoi momenti vestito come Jena nel centro East di St. Louis,

"Una notte dovevo dovevo passare per tre isolati, e non avevamo nessuno che mi accompagnasse, così semplicemente mi vestì di tutto punto con le mie pistole e tutto il resto - Jena sta arrivando a creare scompiglio - e girò l'angolo e ci sono questi quattro tipi lì. Abbiamo girato l'angolo adesso, e nessuno di questi tipi riesce a vedermi. Ho semplicemente guardato questi tipi e loro mi hanno guardato. E questo è quanto diverso fosse all'epoca: quando vedevi quel tipo, con una mitragliatrice e un coltello e un mucchio di roba che non sapevi cosa fosse, persino. Feci giusto un po' di luce sulla pistola, e questi tipi mi guardarono, ed erano dei tipi piuttosto ruvidi, e fecero semplicemente, "Hey amico, calma, calma.' E si girarono e se ne andarono. Non vedevo l'ora di tornare e dire a John, 'Penso che questo personaggio funzionerà!'"

 Riprese

Originariamente la scena d'apertura mostrava Jena che rapinava una banca. Ma fu tagliata dopo che il pubblico di prova ne fu confuso:


A parte il girare di notte ci furono pochi problemi durante le riprese degni di menzione. L'uomo che interpretava Slag era il wrestler professionista Ox Baker, il quale,secondo Russell, non sapeva come tirare un pugno. Ox fece pratica con lo stuntman di Russell, che venne pestato piuttosto duramente. La sua faccia era nera e blu alla fine delle riprese. Baker lanciò persino un cestino dei rifiuti in testa a Russell mentre brandiva una mazza con degli spuntoni.

Russell ebbe l'ultima risata quando fu tempo di completare il combattimento. Lo script richiedeva che Russell colpisse Slag dietro al collo con la mazza da baseball con gli spuntoni. Tutto ciò che Ox aveva per protezione era un po' di imbottitura e Russel doveva colpire il suo segno perfettamente. Ox era visibilmente nervoso, ma fortunatamente Russell lo centrò in pieno. Russell ammise che quello fu uno dei giorni peggiori che avesse mai trascorso sul set.


Un altro problema venne fuori quando la troupe si stava preparando a filmare l'iconica scena dell'inseguimento. Non riuscirono ad assicurarsi l'utilizzo del ponte della 69esima strada in centro , quindi utilizzarono il Chain del Rocks Bridge che era situato a 20 minuti di distanza.

C'era inoltre una scena, di cui Carpenter fa menzione nel commento, dove Jena avrebbe dovuto accendere una sigaretta auto infiammante, ma semplicemente non riuscirono a ottenere l'effetto, a causa delle bruciature sulle mani di Russel e la mancanza di budget.

Un altro pseudo problema che ebbero sul set fu la dinamica sessuale tra Jena e la ragazza del Chock Full O' Nuts (Interpretata dall'allora moglie di Russell). Non erano sicuri di come indirizzare una qualsiasi sorta di tensione sessuale, in quanto non sarebbe stato nel personaggio di Jena di baciarla. Comunque, non volevano che Jena fosse asessuale. Finirono per ucciderla, quindi andate avanti e interpretatelo in qualsiasi modo vogliate.


Secondo Russell, Maggie era l'unico personaggio per cui Jena provasse qualcosa. Era interpretata dall'allora moglie di Carpenter, Adrienne Barbeau. La scena finale di Maggie fu in realtà filmata nel garage di Carpenter, dove il personaggio viene colpito da un auto e muore. Originariamente ciò non era mostrato, ma il regista voleva che il pubblico sapesse che era sicuramente morta. Di nuovo, interpretatelo in qualsiasi modo vogliate.

Una scena che mostrava un gruppo di Nativi Americani vivere in un cinema abbandonato fu tagliato, stando al commento del DVD, il che spiega l'altrimenti inspiegabile battuta "Dannati pellirosse" quando l'aliante di Jena viene fatto cadere dal tetto delle torri gemelle.

La performance di Pleasence fu modellata sulla sua attuale esperienza come prigioniero di guerra durante la seconda guerra mondiale. Questo fu specialmente visibile quando il Presidente uccide il Duca. Inoltre concepì l'idea di indossare una parrucca bionda durante la scena dove il Duca umilia il PDSUDA.

Russell, patriottico come sempre, rifiutò di gettare direttamente la sua sigaretta al petto del Presidente fittizio. Giungendo a un compromesso con Carpenter, semplicemente la lancia nella sua generica direzione.

TRADUZIONE a CURA di: DAVIDE SCHIANO DI COSCIA
ARTICOLO ORIGINALE:io9.gizmodo.com