mercoledì 6 aprile 2016

Brad Bird e la sua squadra ripensano all'avventura de Il Gigante di Ferro


Di Joe Vanourney

Warner Bros fece uscire l'adattamento animato di Brad Bird de "Il Gigante di ferro" nel 1999 con il plauso della critica, ma la storia di un ragazzino che fa amicizia con un enorme robot che un paranoico agente governativo vuole distruggere non riuscì a trovare un pubblico nella sua uscita cinematografica. Comunque, da allora il film ha sviluppato un crescente e dedicato seguito come culto.

Alcuni di questi devoti sono stati considerati per la pima mondiale de “The Giant’s Dream,” un documentario sulla realizzazione del film, al WonderCon di Los Angeles. La proiezione è stata seguita da un dibattito con il regista del documentario Anthony Giacchino e il team creativo dietro "Il Gigante di ferro”: Bird (“Gli Incredibili,” “Mission: Impossible – Protocollo fantasma”), character designer e artista dello sviluppo visivo Teddy Newton, supervisore dell'animazione Dean Wellins, artista degli storyboard Jeff Lynch e l'animatore Scott Johnston.

Il documentario è uno sguardo brutalmente onesto alla carriera di Bird, incominciando dal suo stage infantile ai Walt Disney Studio, guadagnato dopo che aveva inviato un corto che aveva realizzato (era il primo bambino di sempre a guadagnare quell'onore) Mentre si trovava lì, Bird imparò l'arte dell'animazione e del racconto dai maestri Disney. All'epoca in cui l'adulto Bird fu assunto dallo studio come animatore, le leggende che gli avevano insegnato si erano ritirate, e il nuovo regime che seguì aveva una diversa impostazione mentale - una con cui Bird combatté costantemente. Quel conflitto alla fine portò al licenziamento di Bird.

In seguito si guadagnò l'approvazione per il suo episodio "Family Dog" della serie televisiva "Amazing Stories" di Steven Spielberg e per il suo lavoro sui "Simpson". Quando la Warner Bros decise di dare il via a un dipartimento per i film d'animazione, Bird fu assunto per dirigere "Il Gigante di ferro.”


Il team di animazione che mise assieme era composto di disadattati — artisti che, per una ragione o per l'altra, che erano stati rifiutati dalla Disney. Riconosciuto che ognuno aveva una certa forza da apportare al progetto, Bird condusse il team usando una mentalità "noi-contro-loro".  Inoltre agitava le acque criticando apertamente il lavoro a volte sciatto del suo team di fronte ad altri animatori, il che portò a un po' di risentimento da parte dello staff.

Il documentario inoltre fornisce dettagli dei problemi che ebbe una volta che il film fu completato. . Warner Brs non si sentiva a proprio agio a far uscire "il Gigante di ferro" dopo che il suo primo film animato, "La spada magica - Alla ricerca di Camelot", fece flop. COmunque, quando " Il Gigante di ferro" fu mostrato a un pubblico di prova, ottenne un punteggio più alto rispetto a qualsiasi altro film nella storia dello studio. Nonostante ciò, lo studio non sapeva come venderlo, e quando il film fu finalmente rilasciato nell'agosto 1999, fece fiasco.

Newton si è scusato con Bird durante il dibattito al WonderCon, dicendo, “Guardando questo documentario lo mette di più nel contesto. Io ero un ulteriore ostacolo per lui [Bird] per la maggior parte del tempo. Adesso capisco.”

“Teddy cercò di farsi licenziare dal film svariate volte,” Bird ricorda. “Io non l'avrei fatto. Dissi, ‘Non ti licenzierò.’ Lui sembrava deluso. Teddy era abituato a provocare le persone a licenziarlo. Io dissi semplicemente, ‘Guarda , sei grande, non lo farò. Se me sarebbe venuto con idee completamente inappropriate per il film, come Dean che porta Hogarth in un nightclub, e poi investono un cervo e portano a casa un cervo moro per Annie per mangialo. Sarebbe andato completamente fuori dai binari, ma io avrei detto, ‘Non ti licenzierò.’”

“L'Ho apprezzato,” ha risposto Newton, che in seguito lavorò con Bird su "Gli Incredibili" e “Ratatouille.” “Ho sempre sentito che tu mi consentivi di essere me stesso.”


Un membro del pubblico ha chiesto cosa i conferenzieri stessero cercando quando assunsero gli artisti dello storyboard. “Hai bisogno di essere capace di esprimere idee in un modo pulito e semplice, tenere i personaggi e i punti della storia molto chiari,” ha risposto Bird. “Dovresti essere in grado di leggere queste cose facilmente in un frame.”

Lynch ha aggiunto, “Quando guardi uno storyboard, stai cercando una risposta emotiva.”

“Quando io guardo a uno storyboard, io chiedo chi sia quel personaggio — cercando di mettere la mia mente in quel personaggio così tanto che sorprende persino me,” ha risposto Wellins, la cui carriera include “Big Hero 6” e “Bolt.” “Quando qualcuno sta guardando uno storyboard, tu vuoi quella sorpresa — Non me l'aspettavo. Sono così sorpreso da quella scelta che fecero, ma è la scelta giusta. Ci sono milioni di scelte che sono state fatte, e qui ci sono le scelte giuste. Quando qualcuno fa una scelta che non ti aspettavi, questo è ciò che lo rende interessante.”

Un membro del pubblico ha ricordate che quando vide il film trovò che il nome Hogarth fosse bizzarro. “Questo è il nome del personaggio nel libro di Ted Hughes “Il Gigante di ferro” su cui il film è basato,” Bird rispose. “Non aveva un cognome nel libro. Gli diedi il cogome di Ted Hughes nel film come tributo a Ted, che morì nelle prime fasi della produzione del film. Lesse le prime stesure della storia ma non vide mai il film. Gli piaceva davvero la direzione che avevamo preso per il film, che è diversa dal libro.”

É stato chiesto a Bird se rivisiterebbe mai l'universo de Il Gigante di Ferro, per un prequel, sequel, o uno spinoff. “Viviamo in un tempo davvero strano dove se alle persone piace ciò che hai fatto, loro voglio che tu lo rifaccia,” ha detto. “Lo capisco. A volte è davvero grandioso, ma a volte sento che la storia è raccontata. Non ho problemi nel farlo con altre cose. Ho fatto un ‘Mission: Impossible’ e sto facendo un altro ‘Incredibli.’ Abbiamo raccontato la storia de ‘Il Gigante di ferro.’ Abbiamo avuto un finale, e questo era il modo in cui doveva essere.”

Ha fatto notare, comunque, che per la “Ultimate Collectors Edition” che è stata rilasciata a Settembre, sono stati in grado di aggiungere circa un minuto di animazione che non avevano potuto fare nel 1999.


Ai conferenzieri è stato domandato quando, dopo il fallimento al botteghino de "Il gigante di ferro," loro realizzarono che il film aveva delle potenzialità. “Fummo devastati per circa due mesi, e poi facemmo piazza pulita agli Annies [Gli annuali premi per l'animazione],” ha ricordato Bird. “Vincemmo su film dalla Pixar e DreamWorks e Disney. Fu un senso di conferma.”

Essendogli stato chiesto se il film sarebbe in qualche modo diverso se fosse fatto oggi, Bird ha replicato, “Mi sarebbero piaciuti altri tre mesi e un paio di milioni di dollari in più. Mettemmo insieme il film con lo scotch e con la gomma da masticare.” Ricordando una scena in cui il personaggio di Kent entra ma non sembra molto giusto, Bird ha detto, “Dovemmo mettere qualche cespuglio sul posto dove lui camminava stranamente. Un po' più di soldi e un po' più di tempo e sarebbe stato grandioso, ma diversamente sono davvero contento del risultato”

“The Giant’s Dream: The Making of The Iron Giant” uscirà in seguito quest'anno.

TRADUZIONE a CURA di DAVIDE SCHIANO DI COSCIA
ARTICOLO ORIGINALE:spinoff.comicbookresources.com