giovedì 25 febbraio 2016

Perché Zombi 2 di Fulci è l'essenza distillata del cinema di zombi

RETROSPETTIVE

Perché Zombi 2 di Fulci è l'essenza distillata del cinema di zombie

di  Nat Brehmer

è un film dai molti, molti titoli. Nell'arco di 30 anni, è stato conosciuto come Zombi 2, Zombie Flesh Eaters, Zombie Dawn of the Dead e tanti altri, ma il titolo americano Zombie—mentre è il più semplice— potrebbe essere il più adatto. Sin dalla sua uscita, il film si è guadagnato una reputazione per essere uno dei più sanguinari, più famigerati film di zombi di tutti i tempi. Diretto dal maestro Italiano del Gore Lucio Fulci, si è guadagnato il suo posto tra i grandi come La Notte dei Morti Viventi e Zombi (Dawn of the Dead) e rimane inoltre il lavoro del regista più conosciuto e influente 

Ci sono un sacco di ragioni per questo. Zombi 2 non è solo un film di zombi seminale; per certi versi è il film di zombi. Nel corso della sua durata, la pellicola riesce a toccare non solo ogni tropo ma ogni movimento nel cinema di zombi fino a quel momento. L'influenza più forte, ovviamente, viene da Zombi di George Romero. Nel suo paese natale, Zombi 2 fu effettivamente lanciato come un sequel di quel film. Si può sentire l'influenza di Romero in tutto dal livello di gore alla claustrofobia che circonda i protagonisti e la sensazione della minaccia irrefrenabile che questa epidemia zombi rappresenta.

Questa minaccia è presentata in una luce molto differente rispetto a Zombi, sebbene, il che è apprezzato e certamente aiuta a differenziare il film dal suo immediato predecessore. Per la maggior parte, l'azione è confinata in una piccola isola. Qui, ci viene presentato uno scienziato pazzo che ha a che fare con pratiche di rianimazione, il che apporta un elemento dei classici zombi atomici sci-fi degli anni 50. La spiegazione principale data sull'isola, comunque, è il voodoo. Mentre si comportano e si muovono come i morti viventi di Romero, questi sono tecnicamente classici zombi voodoo che  si riconnettono direttamente alle origini del genere.


La spiegazione Voodoo rende lo rende unico come film di zombi moderno che effettivamente sfrutta le radici pre Notte dei morti viventi. Ogni film di questo tipo tende a ignorare qualsiasi altra cosa come se il classico di Romero fosse la nascita dell'intero sottogenere, ma in realtà ha una lunga e fruttuosa storia che almeno Fulci cerca di rispettare .

Ovviamente, quando le persone parlano di Zombi 2 - e persino del cinema di zombi in generale - parlano riguardo al Gore. Zombi davvero diede il via al movimento dell'avere effetti gore in piena vista in un film di zombi, ma Zombi 2 prese l'idea e la porto all'estremo. Questo diventò il primo film di zombi dove gli effetti gore erano centrali e in bella vista. Erano loro le star e tutto il resto semplicemente andò al suo posto intorno a loro. Ciò non vuol dire che Zombi 2 sia brutto o che non abbia il suo posto. Neanche per sogno; questa mentalità funziona quando gli effetti Gore valgono la pena di essere mostrati. E nelle mani di Lucio Fulci, ne valgono sempre la pena.

Abbiamo il gore fatto in primissimo piano qui, con il più efficace che è una sequenza di cui si probabilmente si parlerà per sempre: l'impalamento dell'occhio. è una delle più brutali inquadrature della storia del cinema, ma il suo successo deriva tanto dalla resa filmica tanto dall'inquadratura stessa . Questa è una scena lenta, montata quasi alla perfezione in quanto la mano dello zombi spinge la povera donna vicino a un enorme scheggia che spunta dalla porta, centimetro dopo centimetro. Sembra che ci metta un'eternità. Staccando dall'occhio alla scheggia e di nuovo all'occhio, entrambi diventando sempre più grandi e riempiendo l'inquadratura. CI sono abbastanza stacchi tra i due che noi come pubblico pensiamo che il film staccherà su altro in ogni momento. Brillantemente, non succede. L'inquadratura vera e propria della scheggia che penetra l'occhio è estremamente veloce, ma ottiene esattamente l'effetto voluto da Fulci.


La scena è, soprattutto, pura exploitation. Tutto il gore nella pellicola lo è. è mostrato pienamente come nel teatro del Grand Guignol. Mentre questo era rappresentativo del genere all'epoca, più di ogni altra cosa stabilisce le coordinate per tutti i film di zombi a seguire. Per questa ragione in particolare, Zombi 2 è veramente l'essenza del cinema di zombi stesso. Non solo rispettavo tutto ciò che era venuto prima; ha influenzato quasi tutto ciò che è venuto dopo

I film di Zombi non sono noti per i loro Happy ending e in riguardo a ciò, questo qui non delude. Il modo in cui gestisce il finale non è a corto di genialità ed è facilmente uno degli aspetti del film più sottovalutati. Dapprima sembra che i nostri eroi siano sopravvissuti. Hanno combattuto duramente e ce l'hanno fatta fino al finale tutti interi. E solo quando pensiamo che siano finalmente salvi ascoltiamo dalla radio la rivelazione che questa piaga è ovunque. Lascia il pubblico con una sensazione di assoluta disperazione, qualcosa che decisamente riecheggia da La Notte dei morti viventi e persino da Zombi per certi versi.

Tutti questi elementi si fondono per realizzare quello che davvero è la quintessenza dei film di zombi. Zombi 2 davvero ha tutto, in termini di gore, in termini di atmosfere, e anche l'elemento exploitation. Ha tutto ciò che il sottogenere aveva contenuto fino a quel momento e ha aiutato a fissare i punti cardine per tutto ciò che sarebbe seguito.


TRADUZIONE a CURA di:DAVIDE SCHIANO DI COSCIA
ARTICOLO ORIGINALE:wickedhorror.com/