sabato 20 febbraio 2016

L'agghiacciante storia vera delle "Gemelle Silenziose” (The Silent Twins)

di ALYSE WAX

Penso che siamo tutti d'accordo nel pensare che i gemelli siano spaventosi e strani. Al meno, questo è ciò che film come SHINING e INSEPARABILI e registi come le Soska Twins mi hanno insegnato. Ma uno dei più bizzarri casi di gemelli strani dev'essere quello delle sorelle Gibbons .

June e Jennifer Gibbons nacquero l'11 Aprile, 1963 nelle Barbados, e si trasferirono in una piccola cittadina in Galles poco dopo. Le ragazze rifiutavano di parlare con chiunque. Parlavano solo fra di loro, e talvolta con la loro sorella minore Rose, in un linguaggio gemellare inventato. Uno psicologo una volta segretamente registrò le sorelle mentre parlavano, e scoprì che stavano parlando normalmente Inglese a una velocità incredibile. Vivendo in una cittadina per la grande maggioranza bianca, le ragazze erano oggetto di bullismo, fino al punto in cui gli amministratori scolastici gli consentirono di uscire prima per evitare tormenti. Non funzionò, e alla fine le ragazze si ritirarono dalla scuola, e dalla società.

In un tentativo di farle socializzare, June e Jennifer vennero mandate presso differenti scuole private. Divennero catatoniche e vennero riunite. Le ragazze ben presto si dedicarono alla scrittura, entrambe fiction e tenevano dei dettagliati diari. I loro romanzi auto pubblicati erano spesso colmi di violenza esplosiva e non gli fecero guadagnare alcuna attenzione nel mondo della letteratura. Invece, si diedero al crimine per l'eccitazione e ottenere attenzione. Vennero sorprese a bruciare un edificio fino alle fondamenta. Nel 1982, Il giudice le condannò per sedici capi di accusa per furto e incendio doloso al Broadmoor Hospital, un ospedale di massima sicurezza per criminali. Il loro rifiuto a parlare, il comportamento antisociale, movimenti simili a quelli di uno zombie, e un'estrema coesione tutto contribuì alla decisione di condannarle . (Broadmoor era la dimora di molti famigerati assassini, inclusi Ronnie Kray e lo squartatore dello Yorkshire.)

Mentre erano a Broadmoor, le ragazze vennero tenute in reparti separati ma trascorsero tutto il loro tempo libero insieme. Le infermiere spesso le trovavano nelle loro stanze separate, sedute nella stessa posizione. In diverse occasioni, le ragazze tentarono il suicidio e si attaccarono l'un l'altra; spesso facevano a turno per mangiare (un giorno una avrebbe mangiato mentre l'altra si sarebbe astenuta); ed erano tenute sotto pesanti anti psicotici che prosciugarono il loro desiderio di scrivere. Alla fine ritornarono ai loro diari, ma non scrissero nessun altro romanzo.

June e Jennifer avevano una strana, insalubre relazione di codipendenza. Non potevano esistere separate, ma non potevano condurre una vita normale insieme. Jennifer, di dieci minuti più giovane, pensava che June avesse un aspetto migliore e fosse più intelligente di quanto non fosse lei. June avvertiva tutto ciò. e scrisse nel suo diario:"Lei vuole che siamo uguali. C'è un luccichio omicida nei suoi occhi. Buon dio, io ho paura di lei. Non è normale... qualcuno la sta facendo diventare pazza. Sono io." Descrisse Jennifer come "la sorella oscura che mi sta rubando la luce del sole."Nel suo diario, Jennifer scrisse: "Siamo diventati nemici mortali agli occhi dell'altra. Avvertiamo gli irritanti raggi mortali venir fuori dai nostri corpi, pungendoci la pelle a vicenda. Lo chiedo a me stessa, posso io sbarazzarmi della mia stessa ombra, impossibile o non possibile? Senza la mia ombra, morirei? Senza la mia ombra, guadagnerei vita, sarei libera o lasciata a morire? Senza la mia ombra, che identifico con una faccia di infelicità, inganno, assassinio.”

La giornalista Marjorie Wallace, che scrisse un'esaustiva biografia sulle ragazze, stava prendendo il tè con le gemelle quando Jennifer disse che avrebbe dovuto morire. Quando le fu chiesto il perché, lei rispose, "Perché abbiamo deciso". Non sarebbe stato abbastanza vivere separatamente: si sarebbero sempre possedute a vicenda. Una di loro avrebbe dovuto morire affinché l'altra potesse vivere una vita normale.

Nel 1993, alle ragazze venne finalmente concesso un trasferimento alla più aperta Caswell Clinic. Al loro arrivo, Jennifer sembrava ammalata. Fu portata in fretta all'ospedale e dichiarata morta di Miocardite acuta, un improvvisa, letale infiammazione del cuore. Frequente mente è causato da infezione virale, droghe, o veleno; nessuna prova di qualcosa di simile fu trovata nel caso di Jennifer. La causa della sua miocardite non è stata mai identificata.

Wallace disse che, dopo la morte della sorella, June fu sia distrutta dal dolore che sollevata. “Eravamo stanche della guerra. è stata battaglia - qualcuno doveva rompere il circolo vizioso." June adesso vive una cosiddetta vita "normale". Parla normalmente, vive indipendentemente, e vuole mettersi il passato alle spalle.