domenica 5 aprile 2015

Perché Session 9 è uno dei film horror più intelligenti degli ultimi 15 anni


Di Nat Brehemer

Difficile credere che Session 9 di Brad Anderson abbia quasi quindici anni. Molti degli horror che sono stati realizzati nella stessa epoca non hanno resistito alla prova del tempo, ma questo ce l'ha fatta ed è facile capire il perché. è uno dei film più d'atmosfera, più destabilizzanti psicologicamente mai realizzati. è facile,per certi versi, rappresentare la sensazione di una casa stregata sullo schermo. Ciò che è più difficile è ricreare la sensazione di un posto che non è stregato, un posto che ti faccia accapponare la pelle in un modo che non riesci a spiegarti per ragioni che non riesci a capire. Questo è il tipo di cose che Session 9 intendeva sfruttare, e lo fa meravigliosamente.

In termini di spaventi, Session 9 è pari all'Esorcista. La differenza è che questo film non ci da quasi nulla su cui lavorare. C'è una vaga atmosfera sovrannaturale, ma non succede nulla di soprannaturale, almeno nulla in senso più stretto. Come ho detto, questo non è un film su di una casa stregata. Invece, parla di un piccolo gruppo di persone in un luogo isolato che—mentre appare enorme dall'esterno — è decisamente claustrofobico. Queste persone non sono intrappolate con una forza ultraterrena, o dai fantasmi degli ex pazienti dell'ospedale. Sono intrappolati con se stessi e, alla fine, questo si dimostra essere molto più spaventoso.

Essendo un progetto basato sui personaggi, gli attori e il casting sono molto importanti, ma tutti riescono a portare a termine il lavoro facilmente. David Caruso sembra essere la nostra voce della ragione all'inizio ma rapidamente arriviamo a capire che è uno dei più squilibrati del gruppo

In un certo senso, comunque, l'istituto è infestato dai fantasmi degli ex pazienti. Non appaiono in senso paranormale, bensì attraverso registrazioni d'archivio scoperte da Mike, quello del team che ha lasciato la facoltà di legge che si considera un esperto del manicomio. Queste registrazioni sono probabilmente la parte più inquietante dell'intero film , persino più spaventose dei veri e propri omicidi che sono lì  —più che altro—semplicemente per aggiungere peso alla storia. Queste registrazioni consistono di una serie di sessioni con una paziente di nome Mary, che soffre di disturbo dissociativo dell'identità . Non abbiamo ne flashback, ne elementi visivi, solo l'audio delle interviste con Mary e le altre sue personalità.

Questo è un lavoro coraggioso e magistrale, mostrando davvero quanto poco serva per creare una paura genuina quando si sa cosa si sta facendo. Mike scorre attraverso ogni sessione ossessivamente, naturalmente in un crescendo fino alla sessione 9, in cui il dottore parla con la personalità più privata di Mary, Simon. Mentre all'inizio non conosciamo i dettagli di ciò che Mary ha fatto, viene rivelato che ha pugnalato a morte suo fratello ed era la personalità Simon che ha commesso l'omicidio o convinse Mary a farlo. 

Come in molti ottime opere d'arte, c'è molto spazio lasciato all'interpretazione in Session 9. Si potrebbe, suppongo, obbiettare che c'è un vago elemento soprannaturale nel film. La Presenza Simon che ha indotto Mary a uccidere  potrebbe essere ancora nel manicomio, potrebbe stare inducendo Gordon a uccidere il suo gruppo uno a uno. Penso, però, che vada un po' più in profondità, il che è appropriato. Ovviamente, non sto dicendo che i film sulle Possessioni non possano essere brillanti . Ma Session 9 è intelligente nell'evitare le tipiche trappole della possessione e concentrarsi invece sull'elemento psicologico, specialmente per un film che —data l'ambientazione—avrebbe potuto ricadere nel generico molto facilmente. Invece di essere una presenza vera e propria, Simon potrebbe semplicemente rappresentare il piccolo frammento di malvagità che risiede in ognuno. Gordon, l'assassino, è la persona più stabile all'inizio del film. Naturalmente, quell'apparenza inganna e la sua calma apparente si frantuma sempre più, rivelando la caotica personalità sottostante.

Ognuna delle personalità di Mary vive in una differente parte del suo corpo, stando a quando dice. Loro vivono dietro i suoi occhi, o dietro la sua lingua. Quando alla fine Simon parla, il dottore gli chiede dove vive e la sua risposta è “Io vivo nei deboli e negli umiliati". Queste sono le ultime parole del film e mentre potrebbero apparire anti climatiche, la risposta in effetti  riassume ciò di cui parla il film. Simon è l'oscurità all'interno di tutto, ma questo particolare tipo di oscurità —persino in maniera strettamente psicologica— corrode i vulnerabili e i disperati. è successa con la povera, confusa Mary ed è successo a Gordon, che si stava sbriciolando sotto lo stress del suo matrimonio e della paternità quando compare il suo personale Simon

Session 9 è un film eccezionalmente intelligente e non meraviglia che continui a funzionare bene dopo quasi quindici anni . Si tratta di un film potente, che infesta nel vero senso della parola, mettendo in mostra brillantemente che cosa l'orrore psicologico può conseguire al suo meglio.


TRADUZIONE DI: DAVIDE SCHIANO di COSCIA
ARTICOLO ORIGINALE:wickedhorror.com