martedì 7 aprile 2015

Disastro/Artista: L'incredibile Carriera di Tobe Hooper

Di Nat Brehmer

Di tutti i maestri dell'orrore, Tobe Hooper è quello che ha la carriera più disorientante.
Ha fatto abbastanza per guadagnarsi il titolo, ma non abbastanza per stare confortevolmente a fianco di contemporanei come John Carpenter e Wes Craven. Questi cineasti nella loro carriera hanno avuto più successi che insuccessi. Tobe Hooper decisamente non può affermarlo. La sua percentuale di successo è molto più difficile da misurare e comprendere. In un certo senso è il Nicholas Cage del genere horror. è bravo? è scarso? è il giusto tipo di scarsità o il tipo sbagliato di bravura? è molto difficile da giudicare.

Tobe Hooper comincia la sua carriera con Non Aprite Quella Porta. Non è un film piccolo con il quale iniziare una carriera. Uno dei più influenti, più noti film horror mai realizzati. La potenza che ha tuttora è incredibile. Le persone pensano ancora che il film sia accaduto davvero, continuano ad affermare di avere parenti che conoscevano il vero Faccia di Cuoio. Preso a se stante, è un grande film. Si tratta del tipo di film che ti lascia credere facilmente che qualcosa di questo tipo possa essere successa davvero. Infatti, sembra quasi che stia succedendo davvero mentre lo stai guardando. Il film riesce a evocare la brutalità senza mostrarne troppa in realtà, il che è un talento del tutto perduto oggigiorno.


Qui è dove la carriera di Hooper  diventa immediatamente interessante La maggior parte delle persone nota un declino nella qualità del lavoro di differenti registi che ammirano. Ma il film immediatamente seguente di Hooper dopo Non Aprite Quella Porta non è molto riuscito. Quel Motel in fondo alla Palude è essenzialmente un rifacimento di Non Aprite Quella Porta, con la Louisiana come nuova ambientazione e un coccodrillo come nuova arma d'elezione. Parla di un uomo che gestisce un motel vicino alla strada giù nelle paludi e da la sua clientela in pasto al suo cucciolo rettile. Il film ha ottenuto recensioni generalmente negative ed è stato largamente dimenticato. Mostra, comunque, Robert Engluand in uno dei suoi primi ruoli horror.

Ciò nonostante, immediatamente dopo, Hooper cambia in positivo e realizza una delle migliori miniseire televisive Horror di sempre. Le Notti di Salem è il secondo adattamento da Stephen King, venendo dopo Carrie - lo sguardo di satana di Brian De Palma. Segue piuttosto fedelmente tutta la storia del romanzo, con un unico cambiamento significativo. Il capo dei vampiri Kurt Barlow viene reimmaginato qui come una figura silenziosa simile a Nosferatu. Un grande cambiamento rispetto al materiale di partenza, ma le persone l'hanno capito e accolto molto bene. L'intera serie ha una grande atmosfera, un incredibile caratterizzazione e alcuni dei vampiri più spaventosi che abbiano mai graziato lo schermo.



Dopo di ciò, Tobe Hooper si ritrova nella slasher mania dell'1981 e dirige Il Tunnel dell'Orrore. Certamente il film ha i suoi ammiratori, ma è molto lontano dall'esser un gran film. Ci sono scene che sono interessanti, sanguinose e piene di suspence ma questi sono anche gli unici momenti dove  succede davvero qualcosa nel film. Sembra quasi una versione lenta de L'assassino ti siede accanto (NdT il secondo film della saga di Venerdì 13) , con quaranta minuti filati di dialoghi e tutte le scene di morte affastellate nei momenti finali . E non è come se Il Tunnel dell'Orrore voglia tentare di essere un film drammatico. è solo che Hooper è così interessato a prolungare gli spaventi in questo film da dimenticare effettivamente di inserirli. Gli effetti speciali di trucco sono magnifici, ma quasi non valgono la pena per il tempo che ci si mette ad arrivarci. Il ritmo non funziona è questo il problema. Anche Il tono non funziona. In particolare come film slasher , semplicemente non funziona.

Tuttavia a seguire immediatamente questo film arriva Poltergeist - demoniache presenze. Sembra che i film migliori di Hooper abbiano la storia produttiva più travagliata. Laddove Non Aprite quella porta ha quasi ucciso il suo intero cast e la troupe, Poltergeist è uno dei più famigerati film "maledetti" di tutti i tempi. Molte persone che erano associate al film sono morte o hanno avuto vite incredibilmente travagliate dopo il rilascio della pellicola . Si è dibattuto molto se Hooper abbia davvero diretto Poltergeist oppure no. A questo punto, molte persone credono che sia stato Steven Spielberg a dirigere la maggior parte del film e ad attribuirne la regia a Hooper perché da contratto era obbligato a non dirigere altri film mentre lavorava su E.T.. Ma è Hooper che è accreditato come regista, in ogni caso, quindi tendo ad attribuirgli la regia non importa ciò si rumoreggia sia successo.


Il successo di Poltergeist porta molte più opportunità. Hooper rifiuta molti film subito dopo aver realizzato Poltergeist e mentre i suoi due film seguenti godono di budget più consistenti non sono dei successi al botteghino. Space Vampires è piuttosto sottovalutato, bisogna ammettere che è molto divertente, ma ciò nonostante gestito goffamente. é un po' un film da quattro soldi, per esser franchi, e il ritmo è terribile. Ma gli effetti speciali sono ben fatti e l'eccentrico senso dell'umorismo aiuta. A questo film fa seguito il remake di Invaders from Mars di Hooper. Questo film ha un grande lavoro di effetti speciali e design delle creatore ma di fatto non ha nient'altro a suo favore. Tutto nel film sembra estremamente incompiuto, come se fossero andati avanti e avessero filmato la primissima versione della sceneggiatura.

Fortunatamente questi film sono seguiti dal enormemente sottovalutato Non Aprite quella Porta- parte 2, che è una totale decostruzione del capostipite e una sorta di film brillante se preso a se stante. è Sanguinoso, divertente, pieno di umorismo, tutte cose che la prima pellicola non era. Rinvigorisce il franchise, permettendo ulteriori sequel, ma non è un grosso successo di critica o di pubblico.

Quello è l'ultimo successo della carriera di Tobe Hooper. Dopo di quello arrivano film come Le Notti proibite del marchese De Sade e The Mangler - la macchina infernale, e meno si parla di loro meglio è. La cosa migliore che ha fatto dopo Non Aprite Quella Porta - Parte 2 è stato l'episodio pilota della serie Freddy’s Nightmares, e questa non è una buona cosa. Hooper è un cineasta che ha mostrato di avere visione e stile e che può chiaramente realizzare un buon film. Ma non ne ha realizzato uno in quasi trentanni. [Nota dell'Editor: Il remake di Hooper del 2004 di The Toolbox Murders, la Casa dei massacri è un godibilissimo slasher che è passato largamente sotto i radar. Non è al livello dell' Hooper al suo apice ma è un uscita estremamente godibile e gode di una grande performance da parte della veterana dei film di genere Angela Bettis.]

Tobe Hooper ha troppi successi nella sua carriera per essere chiamato regista scadente ciò nonostante ha diretto molti brutti film. Ci sono sempre fattori estranei al lavoro in queste cose. Problemi produttivi possono tormentare un film  e possono liquidarlo essendo qualcosa molto lontano da ciò che il regista ha programmato di fare . Ma è successo così tante volte nella carriera di Hooper che alcuni devono essere dovuti anche a lui. è difficile stabilire con certezza quanto talentuoso sia Tobe Hooper come cineasta e quanti dei suoi fallimenti siano davvero colpa sua. In fin dei conti, alle persone piaceranno i suoi film oppure no. Ce ne sono parecchi scarsi nel mucchio e l'idea che Hooper diriga un altro grande film sembra improbabile Ma quelli che fanno faville continuano a sfavillare e vengono ricordati con sempre maggiore affetto man mano che il tempo passa. Non importa cos'altro accadrà nella sua carriera, questo è un segno di successo .



TRADUZIONE di DAVIDE SCHIANO Di COSCIA
ARTICOLO ORIGINALE: wickedhorror.com